Sex Libertatis

diritti doveri e libertà sessuali

  • CONTATTO

    sexlibertatis@tiscali.it
  • Categorie

  • Archivio

  • Sottoscrivi

  • Commenti recenti

  • Scopi del blog

    Un contributo al dibattito e alla difesa delle libertà sessuali, in alternativa alle controproducenti censure. Per interrogarsi sulle diverse forme del fondamentalismo. "Sex libertatis" come variazione sul tema "lex libertatis", una famosa definizione latina dell'amore. Il sito non ha intenti diffamatori nè incita a violare le leggi vigenti.
  • Diritti d’autore

    I diritti di tutte le immagini (quando vi sia riconoscibilita' certa) e gli altri contenuti (testi) qui riprodotti o semplicemente collegati appartengono ai rispettivi titolari che possono chiederne, a semplice richiesta, la rettifica o la cancellazione.
  • Copyrights

    Sexlibertatis claims no credit for any images featured on this site. All visual content is copyright of the owners. If you demonstrate rights to any of the images, and do not wish them to appear (also) on this blog, please contact Sexlibertatis via e-mail and they will be rectified or removed.
  • Statistiche

    • 304,176 Visite dal 12/11/2007
  • Amministrazione

il pericolo dei “non gelosi”

Posted by innocenso su 18/07/2012

Durante una predicazione svolta negli ultimi giorni di giugno a Oujida, nel nord-est del Marocco, l’imam radicale, Abdellah Nhari, ha attaccato il giornalista Elmokhtar Laghzioui, che aveva espresso, su un canale arabo, la sua idea sulle libertà individuali, specialmente in materia sessuale.
Abdellah Nhari ha chiamato il giornalista “dayoute” che in arabo significa letteralmente “non geloso”. Nell’Islam il “dayoute” deve essere ucciso. L’imam ha provveduto immediatamente a chiarire la sua affermazione, sostenendo che i suoi commenti non erano un invito all’omicidio, ma il caso è diventato oggetto di un’ inchiesta giudiziaria.
Questo avvenimento ha riaperto la questione sul tema della libertà sessuale, ripreso anche durante la presentazione dell’adattamento dello spettacolo teatrale della scrittrice americana Eve Ensler, tenutosi il 16 giugno a Rabat, dove è stato elogiato il sesso femminile ed è stata esplicitamente sostenuta la libertà delle donne.
Questo dibattito tra gli islamisti e laici sulla libertà sessuale va avanti oramai da parecchio tempo. I sostenitori della libertà sessuale, per la maggior parte laici, chiedono l’abrogazione della sezione 490 del codice penale che prevede la prigione da un mese ad un anno per qualsiasi rapporto sessuale extraconiugale tra due adulti. In realtà, questo articolo è quotidianamente violato, in quanto i rapporti sessuali fuori dal matrimonio sono discreti, ma ampiamente tollerati.
L’attivista Khadija Ryadi, ha affermato: “La riluttanza a depenalizzare il sesso fuori dal matrimonio è sintomo dell’ ipocrisia di questo Stato.” “Sappiamo tutti che i rapporti sessuali fuori del matrimonio sono comuni in Marocco. Il fatto che tutto questo è nascosto promuove abusi e violazioni delle libertà individuali,” ha aggiunto il Presidente dell’associazione marocchina dei diritti umani (AMDH).
Il quotidiano islamista Ettajdid, organo del PJD, partito filo-islamico al potere, ha sostenuto: “C’è un terrorismo intellettuale esercitato contro gli islamisti per impedire loro di comunicare le loro opinioni su arte e creazione.”
Nonostante questi tentativi di riforma il cammino per l’acquisizione di reali diritti è ancora molto lungo e difficile. La tenacia di coloro che si ostinano a voler mantenere la visione tradizionale della donna subordinata all’autorità di padri, mariti e fratelli, è ancora molto forte poiché è radicata nella mentalità di molte persone.
Tuttavia bisogna continuare a lottare e non arrendersi per far si che un giorno non solo in Marocco, ma anche in tutti gli altri paesi, le donne possano acquisire realmente gli stessi diritti dell’uomo.

continua su http://www.levanteonline.net/esteri/mondo/7174-liberta-sessuali-marocco-diritti-delle-donne-islam-cinzia-enza-marseglia-.html

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: