Sex Libertatis

diritti doveri e libertà sessuali

  • CONTATTO

    sexlibertatis@tiscali.it
  • Categorie

  • Archivio

  • Sottoscrivi

  • Commenti recenti

  • Scopi del blog

    Un contributo al dibattito e alla difesa delle libertà sessuali, in alternativa alle controproducenti censure. Per interrogarsi sulle diverse forme del fondamentalismo. "Sex libertatis" come variazione sul tema "lex libertatis", una famosa definizione latina dell'amore. Il sito non ha intenti diffamatori nè incita a violare le leggi vigenti.
  • Diritti d’autore

    I diritti di tutte le immagini (quando vi sia riconoscibilita' certa) e gli altri contenuti (testi) qui riprodotti o semplicemente collegati appartengono ai rispettivi titolari che possono chiederne, a semplice richiesta, la rettifica o la cancellazione.
  • Copyrights

    Sexlibertatis claims no credit for any images featured on this site. All visual content is copyright of the owners. If you demonstrate rights to any of the images, and do not wish them to appear (also) on this blog, please contact Sexlibertatis via e-mail and they will be rectified or removed.
  • Statistiche

    • 306,757 Visite dal 12/11/2007
  • Amministrazione

Una importante assoluzione con riparazione

Posted by innocenso su 31/03/2011

Cari amici,
ogni tanto una buona notizia! Anche se…bisogna attendere anni.

Le due maestre arrestate a Brescia con l’accusa di pedofilia nei confronti di bambini di una scuola materna, e assolte in ogni grado di giudizio dopo più di 10 mesi di carcere, saranno risarcite. Lo ha stabilito la Corte d’Appello di Brescia accogliendo la richiesta di riparazione per ingiusta detenzione. Le due donne riceveranno 299mila euro a testa, comprensivi dei danni morali subiti in seguito all’arresto.
La vicenda giudiziaria, che divise la città, prese il via nel 2003 e coinvolse la scuola materna comunale Sorelli, in pieno centro storico, quartiere del Carmine.
La Procura di Brescia indagò su 12 persone e a processo ne vennero rinviate 8: un sacerdote, sei maestre e un bidello. Le due educatrici, che hanno ottenuto il risarcimento, finirono prima in carcere, poi ai domiciliari. In primo grado, a tutti e otto vennero contestati, complessivamente, abusi su 23 bambini. Il pm Roberta Licci aveva chiesto la condanna complessiva, di 125 anni di carcere.
La sentenza d’assoluzione, per tutti, giunse il 6 aprile del 2006, dopo undici giorni di camera di consiglio. A fine marzo del 2009 la Corte d’Appello confermò le assoluzioni e nel maggio del 2010 anche la Corte di Cassazione aveva posto la parola fine, rigettando i ricorsi del procuratore generale e delle parti civili.

fonte TGcom 31/01/2011

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: