Sex Libertatis

diritti doveri e libertà sessuali

  • CONTATTO

    sexlibertatis@tiscali.it
  • Categorie

  • Archivio

  • Sottoscrivi

  • Commenti recenti

  • Scopi del blog

    Un contributo al dibattito e alla difesa delle libertà sessuali, in alternativa alle controproducenti censure. Per interrogarsi sulle diverse forme del fondamentalismo. "Sex libertatis" come variazione sul tema "lex libertatis", una famosa definizione latina dell'amore. Il sito non ha intenti diffamatori nè incita a violare le leggi vigenti.
  • Diritti d’autore

    I diritti di tutte le immagini (quando vi sia riconoscibilita' certa) e gli altri contenuti (testi) qui riprodotti o semplicemente collegati appartengono ai rispettivi titolari che possono chiederne, a semplice richiesta, la rettifica o la cancellazione.
  • Copyrights

    Sexlibertatis claims no credit for any images featured on this site. All visual content is copyright of the owners. If you demonstrate rights to any of the images, and do not wish them to appear (also) on this blog, please contact Sexlibertatis via e-mail and they will be rectified or removed.
  • Statistiche

    • 306,762 Visite dal 12/11/2007
  • Amministrazione

rapporti col sesso & rapporti col vescovo

Posted by innocenso su 29/06/2008

Cari amici,
già all’inizio di questo blog non era passata inosservata una dichiarazione molto forte dell’Abbè Pierre, il famoso frate francese.
Un anno e mezzo fa ci ha lasciato, ma…dimenticavamo una cosa importante: nell’affrontare uno dei temi più delicati della Chiesa cattolica, quello della castità dei preti, a ottobre del 2005 lo stesso ammise di avere avuto un rapporto sessuale dopo l’ordinazione a sacerdote.
Speriamo che la trasparenza di questo grande testimone di Cristo contemporaneo insegni qualcosa alle nostre (invecchiate dentro) gerarchie vaticane.

Basterebbe confrontare la statura morale di un tale uomo di Chiesa con un recente episodio che ha visto protagonista Antonio Mattiazzo, vescovo di Padova, nelle vesti di moderno censore con tanto di metodi fascisti, nei confronti del giornalista Sante Biasetto, “reo” di aver scritto in merito all’innamoramento di un prete della stessa Diocesi. E come sempre accade, anche tra i cattolici c’è chi il buon senso non lo ha perso, e che non bacia i piedi ai vescovi anche quando questi abusano della loro funzione (leggi buona fede popolare, oltre che investitura papale). E questo non può che far piacere. Ma la grande stampa questo quasi mai lo riporta. E’ comparsa una bella lettera allo stesso vescovo, che tra l’altro, dice “Non è possibile che una Chiesa che non fa altro che parlare di famiglia e di figli sia poi così “matrigna” sia verso questo prete, costringendolo alla riduzione allo stato laicale, sia (ancor più assurdamente) verso questo giornalista colpevole solo di aver fatto il suo lavoro. Siamo sicuri, Eccellenza, che tutto questo non sia vero e che Lei smentirà quello che raccontano le cronache e documentano le fotografie. E se Lei invece non fosse in grado di smentire, o se incredibilmente difendesse quel suo gesto, allora Eccellenza Le resta una cosa sola da fare, anzi due: vergognarsi e dimettersi da un ruolo di pastore che non merita di svolgere”.

Puntualmente, come nella migliore tradizione curiale, anche le supposte “scuse” non hanno per nulla risposto alle precise richieste, ben argomentate, del fedele che sul blog riportato ha scritto tale missiva.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: