Sex Libertatis

diritti doveri e libertà sessuali

  • CONTATTO

    sexlibertatis@tiscali.it
  • Categorie

  • Archivio

  • Sottoscrivi

  • Commenti recenti

  • Scopi del blog

    Un contributo al dibattito e alla difesa delle libertà sessuali, in alternativa alle controproducenti censure. Per interrogarsi sulle diverse forme del fondamentalismo. "Sex libertatis" come variazione sul tema "lex libertatis", una famosa definizione latina dell'amore. Il sito non ha intenti diffamatori nè incita a violare le leggi vigenti.
  • Diritti d’autore

    I diritti di tutte le immagini (quando vi sia riconoscibilita' certa) e gli altri contenuti (testi) qui riprodotti o semplicemente collegati appartengono ai rispettivi titolari che possono chiederne, a semplice richiesta, la rettifica o la cancellazione.
  • Copyrights

    Sexlibertatis claims no credit for any images featured on this site. All visual content is copyright of the owners. If you demonstrate rights to any of the images, and do not wish them to appear (also) on this blog, please contact Sexlibertatis via e-mail and they will be rectified or removed.
  • Statistiche

    • 305,171 Visite dal 12/11/2007
  • Amministrazione

il sospetto autoalimentato

Posted by innocenso su 29/04/2007

Se state seguendo le puntuali analisi de “il giustiziere” vi starete rendendo conto di quanto scandalo (invece che solo paura) dovrebbero suscitare certi racconti così strani, di bambini o giornalisti non si capisce bene, ai quali si aggiungono le ingiustificate esternazioni di un ministro come Fioroni, non nuovo a tali invettive (“queste maestre vanno licenziate”). Da un’intervista sul corsera riprendo una parte, pensando a chi, nonostante la distruzione morale, sta dimostrando il coraggio di andare avanti, perchè cari amici “il processo” esiste (o dovrebbe esistere) proprio per l’opposto di quanto le vicende stanno dimostrando, ossia dover seguire un “procedimento” nell’esaminare fatti, responsabilità, diritto vigente!!

Attendiamo fiduciosi (ma il solo fatto che gli imputati siano stati messi in isolamento crea un forte dubbio) che la magistratura saprà essere all’altezza della situazione ed evitare epiloghi simili a tante altre storie…

Gianfranco Scancarello (autore di “Buona Domenica” in Rai), l’autore di programmi televisivi, attacca così: «Ma come? Siamo stati mesi ad aspettare di essere sentiti, ma non abbiamo visto nessuno. Una sorpresa. Al punto che pensavamo che si fosse sgonfiato tutto. E ora eccoci qua dentro a leggere queste cose incredibili. Un incubo…». Occhi lucidi, febbrili. Una mezza tuta sulle spalle, maglietta, pantaloni stazzonati, l’aspetto di chi non ha avuto tempo per vestirsi. Non c’è aria di pentimento o di rassegnazione nella cella di Scancarello. (…) Ho lavorato una vita per parlare delle loro storie belle. L’ultima, su Raiuno: tre vicende l’integrazione, tra bullismo e handicap fisici. E ora? Mi sento e parlo già come un ex. Come uno che è stato stroncato nella sua attività. Mi hanno rovinato la vita. Ma affronterò questa taglia…». L’autore di tanti programmi tv spiega così le accuse che lo riguardano: «È il male che abbiamo dentro, arriva a colpirci e a manifestare il peggio che c’è nella società… Un bambino non può immaginare queste cose. Chi ha architettato tutto questo? Viene da rispondere i genitori. Ma io penso che sia stato un male peggiore, quello del sospetto che si è autoalimentato…». Sua moglie Patrizia Del Meglio, più tardi, parla di un meccanismo tipo calamita: «Uno tira l’altro, ecco cos’è successo. E noi che finiamo stritolati…». La parola complotto non viene pronunciata. Scancarello fa trasparire una forte tensione, ha l’aria di chi è pronto ad andare allo scontro. «Se non altro, lo devo a quanto di buono ho fatto nella mia vita — dice —. Devo vincere questa battaglia. Devo smontare questa roba…». Nella sua cella non c’è molto: il pranzo non toccato, lasciato a freddare sul tavolino, e poi quell’ordinanza che l’ha portato in carcere, su un ripiano. Più tutte le domande che lui continua a farsi: «Com’è successo? Continuo a chiedermelo…». Poco distante c’è l’altro detenuto, lo srilankese Kelum Da Silva. Dice in inglese: «Non capisco l’italiano. Non so perché sono dentro, non conosco le imputazioni». Nel padiglione femminile Marisa Pucci, una delle tre maestre, implora: «Aiutatemi. Ho le bambine a casa. Solo a pensarci è un’infamia insopportabile. Avevamo la solidarietà di tanti, compreso il parroco, ma poi l’hanno messo in minoranza».

3 Risposte to “il sospetto autoalimentato”

  1. il-giustiziere said

    Grazie per la citazione.
    Pare che nello stesso carcere, sezione femminile, molte detenute credano nell’innocenza delle 4 donne. Anche se le autorità carcerarie non si fidano ancora a lasciarle “socializzare” con le altre detenute.

  2. GIADA said

    Credo, da cittadina italiana e da lettrice dei blog su internet, che stiano prendendo una grossa cantonata, Le maestre che da tanti anni lavorano in quella scuola avessero fatto cose così atroci sarebbe stato impossibile che nessuno avesse avuto il sentore di cose strane e poi quando mai i PEDOFILI si associano tra di loro? Il pedofilo è un essere infelice, solitario che agisce quasi sempre da solo, la cosa è talmente assurda che non capisco come mai sia andata così avanti e perchè quei poveretti siano ancora in carcere quando poi gli assassini li lasciano a piede libero?

  3. Anonymous said

    Perchè Il Vaticano ha difeso quelli di rignano flaminio?

    Tratto da http://seeraberlusconi.splinder.com/

    Chi è stato ingaggiato per salvare i “presunti” pedofili ?
    Il difensore di Patrizia Del Meglio e di Gianfranco Scancarello è nientepopòdimeno che
    FRANCO COPPI già difensore di ANDREOTTI e dell’ex governatore FAZIO……ma anche del vaticano per l’inchiesta sull’elettrosmog di Radio Vaticana
    Quando si tratta di pedofilia Il vaticano come al solito si muove sempre alla grande………

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: