Sex Libertatis

diritti doveri e libertà sessuali

  • CONTATTO

    sexlibertatis@tiscali.it
  • Categorie

  • Archivio

  • Sottoscrivi

  • Commenti recenti

  • Scopi del blog

    Un contributo al dibattito e alla difesa delle libertà sessuali, in alternativa alle controproducenti censure. Per interrogarsi sulle diverse forme del fondamentalismo. "Sex libertatis" come variazione sul tema "lex libertatis", una famosa definizione latina dell'amore. Il sito non ha intenti diffamatori nè incita a violare le leggi vigenti.
  • Diritti d’autore

    I diritti di tutte le immagini (quando vi sia riconoscibilita' certa) e gli altri contenuti (testi) qui riprodotti o semplicemente collegati appartengono ai rispettivi titolari che possono chiederne, a semplice richiesta, la rettifica o la cancellazione.
  • Copyrights

    Sexlibertatis claims no credit for any images featured on this site. All visual content is copyright of the owners. If you demonstrate rights to any of the images, and do not wish them to appear (also) on this blog, please contact Sexlibertatis via e-mail and they will be rectified or removed.
  • Statistiche

    • 305,925 Visite dal 12/11/2007
  • Amministrazione

allo shop delle ipocrisie

Posted by innocenso su 10/12/2006

allo shop delle ipocrisie

Cari amici,
ancora una volta da registrare una ipocrisia e una pochezza di vedute nel centro-destra italiano (per bocca di due esponenti di forza italia, in particolare).
Quale il pomo della discordia?

Riprendo da IMGPress del 1/12/2006
La giunta comunale di Bologna capeggiata da Sergio Cofferati il 13 settembre scorso ha varato le ‘Iniziative coordinate per contrastare la violenza alle donne’. L’associazione che ha avuto cospicui finanziamenti “la Casa delle donne” riporta tra i link del proprio sito internet quello relativo al sito della Rete delle Donne di Bologna, il quale sito a sua volta sponsorizza il Sexy Shock.
L’estensore si chiede “come le due cose possano convivere non è chiaro”. “Anzi, stando a quanto riportato nel già citato rapporto ISTAT e stando al continuo ed inarrestabile aumento degli episodi di violenza sessuale che avvengono nelle nostre città, le due cose non convivono affatto”.

Per fortuna che l’arcigay ha ben risposto secondo buon senso come “solo una mal celata moralità di stampo cattolico può bollare come ‘improponibile’ e ‘scandalosa’ una sessualità libera e consapevole che esalti il corpo femminile invece di umiliarlo

E noi siamo qui a testimoniare questa perfetta mancanza di contraddizione, per la quale evidentemente non si è tenuto molto in conto nemmeno la testimonianza di chi le donne le aiuta sul campo.
Da notare che però anche lo stesso articolista alla fin fine ha dovuto confermare quanto, nonostante tutte le critiche, “a nulla valgono leggi sempre più istericamente draconiane“.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: