Sex Libertatis

diritti doveri e libertà sessuali

  • CONTATTO

    sexlibertatis@tiscali.it
  • Categorie

  • Archivio

  • Sottoscrivi

  • Commenti recenti

  • Scopi del blog

    Un contributo al dibattito e alla difesa delle libertà sessuali, in alternativa alle controproducenti censure. Per interrogarsi sulle diverse forme del fondamentalismo. "Sex libertatis" come variazione sul tema "lex libertatis", una famosa definizione latina dell'amore. Il sito non ha intenti diffamatori nè incita a violare le leggi vigenti.
  • Diritti d’autore

    I diritti di tutte le immagini (quando vi sia riconoscibilita' certa) e gli altri contenuti (testi) qui riprodotti o semplicemente collegati appartengono ai rispettivi titolari che possono chiederne, a semplice richiesta, la rettifica o la cancellazione.
  • Copyrights

    Sexlibertatis claims no credit for any images featured on this site. All visual content is copyright of the owners. If you demonstrate rights to any of the images, and do not wish them to appear (also) on this blog, please contact Sexlibertatis via e-mail and they will be rectified or removed.
  • Statistiche

    • 305,565 Visite dal 12/11/2007
  • Amministrazione

basilea, oltre la finanza

Posted by innocenso su 22/11/2006

Basilea, fino al 19 febbraio 2007

Con oltre 200 opere, l’esposizione “Eros nell’arte moderna” propone una vasta panoramica delle immagini del desiderio coltivate dai più grandi artisti, dal 1870 ad oggi.

L’Eros è sempre stato uno dei temi centrali dell’arte. D’altronde, la creazione artistica stessa viene spesso considerata come un atto erotico, come un atto che libera una pulsione vitale”, rileva Philippe Büttner, curatore dell’esposizione.
Impulso in grado di far perdere la razionalità a più di una persona dai tempi lontani, l’Eros non poteva che diventare una fonte preziosa d’ispirazione per gli artisti. L’arte ha addirittura detenuto per secoli una sorta di monopolio dell’immagine erotica, bandita dalla società occidentale.
Per superare le frontiere erette dai guardiani del buon costume, pittori e scultori hanno spesso contrabbandato le loro visioni erotiche in scene storiche o mitologiche. Oppure si sono messi a rappresentare l’anatomia umana come se fosse il risultato di una pura osservazione della natura, di una ricerca medica, di uno studio scientifico.
E quando neppure questi sotterfugi bastavano, non pochi artisti hanno sfogato le loro “pulsioni vitali” in disegni e dipinti che solo una cerchia ristretta di persone, amici o clienti fidati, avevano il privilegio di ammirare. (…)
Poi, negli ultimi decenni, sono soprattutto i grandi fotografi dell’erotismo, come Helmut Newton o Robert Mapplethorpe, a rivalorizzare la nudità e l’erotismo. L’immagine erotica ridiventa spesso figurativa anche nella pittura, come se gli artisti riscoprissero il corpo umano.
Dopo secoli di attesa, solo dagli anni ’70 anche il nudo maschile riesce a superare le ultime barriere e a fare pubblicamente la sua apparizione nell’arte. È innanzitutto una nuova generazione di donne artiste, a cominciare da Louise Bourgeois, ad introdurre questa nuova componente nell’arte erotica, spesso accompagnata da un’impronta di ironia.

in foto “Erotique voilée” (1933) del fotografo americano Man Ray
fonte swissinfo

Come non ricordare che oggi molte immagini di Newton o Mapplethorpe, a causa di nuovi pruriti legislativi, stanno vivendo lo stesso paradosso dei dipinti d’inizio secolo! E così, forse, fra una cinquantina d’anni saranno di nuovo in tanti ad ammirare ciò che torna di nuovo ad essere delizia per “pochi amici o clienti fidati”. Uff… che noia certe ciclicità… per fortuna che da cristiano credo in una storia progressiva, altrimenti mi abbatterei soltanto.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: