Sex Libertatis

diritti doveri e libertà sessuali

  • CONTATTO

    sexlibertatis@tiscali.it
  • Categorie

  • Archivio

  • Sottoscrivi

  • Commenti recenti

  • Scopi del blog

    Un contributo al dibattito e alla difesa delle libertà sessuali, in alternativa alle controproducenti censure. Per interrogarsi sulle diverse forme del fondamentalismo. "Sex libertatis" come variazione sul tema "lex libertatis", una famosa definizione latina dell'amore. Il sito non ha intenti diffamatori nè incita a violare le leggi vigenti.
  • Diritti d’autore

    I diritti di tutte le immagini (quando vi sia riconoscibilita' certa) e gli altri contenuti (testi) qui riprodotti o semplicemente collegati appartengono ai rispettivi titolari che possono chiederne, a semplice richiesta, la rettifica o la cancellazione.
  • Copyrights

    Sexlibertatis claims no credit for any images featured on this site. All visual content is copyright of the owners. If you demonstrate rights to any of the images, and do not wish them to appear (also) on this blog, please contact Sexlibertatis via e-mail and they will be rectified or removed.
  • Statistiche

    • 305,171 Visite dal 12/11/2007
  • Amministrazione

rapporti gratis contro gli sfruttatori

Posted by innocenso su 16/11/2006

“Mi ha colpito molto sentire alla televisione l’intervista ad un uomo sulla quarantina, sposato e padre di due figli, che va due volte a settimana con una qualche prostituta. Quando gli hanno chiesto perché lui ha risposto con queste precise parole: ‘Compro questa ragazza e ne faccio quello che voglio‘. Ecco, nella sua brutalità è l’immagine perfetta di quel che spinge oggi un uomo a cercare sesso a pagamento senza neanche preoccuparsi se la donna che paga è lì per sua volontà oppure no. Parole come piacere e erotismo lo interessano poco. Gli bastano quei dieci minuti in cui può pensare ‘L’ho pagata e la domino’. Se quel rapporto per qualche ragione diventasse gratis non gli interesserebbe più

Dal pensiero di Dacia Maraini su L’Espresso di pochi giorni fa

Sfruttatori (anche loro) della prostituzione, quando questi diabolici clienti non si curano se la persona viene sfruttata o meno. La riprova che con il denaro molti pensano di comprare anche l’eros è nella arguta riflessione della Maraini. Come reagire alle brutalità? Alla radice, almeno non scandalizzandosi del buon sesso amatoriale fatto con regole chiare e non lucrativo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: