Sex Libertatis

diritti doveri e libertà sessuali

  • CONTATTO

    sexlibertatis@tiscali.it
  • Categorie

  • Archivio

  • Sottoscrivi

  • Commenti recenti

  • Scopi del blog

    Un contributo al dibattito e alla difesa delle libertà sessuali, in alternativa alle controproducenti censure. Per interrogarsi sulle diverse forme del fondamentalismo. "Sex libertatis" come variazione sul tema "lex libertatis", una famosa definizione latina dell'amore. Il sito non ha intenti diffamatori nè incita a violare le leggi vigenti.
  • Diritti d’autore

    I diritti di tutte le immagini (quando vi sia riconoscibilita' certa) e gli altri contenuti (testi) qui riprodotti o semplicemente collegati appartengono ai rispettivi titolari che possono chiederne, a semplice richiesta, la rettifica o la cancellazione.
  • Copyrights

    Sexlibertatis claims no credit for any images featured on this site. All visual content is copyright of the owners. If you demonstrate rights to any of the images, and do not wish them to appear (also) on this blog, please contact Sexlibertatis via e-mail and they will be rectified or removed.
  • Statistiche

    • 305,925 Visite dal 12/11/2007
  • Amministrazione

la sgommata di pirelli

Posted by innocenso su 16/11/2006

Gli archivi della Pirelli da vent’anni dovrebbero custodire, se ne frattempo non sono andate disperse, delle foto bellissime, scattate dal grande Helmut Newton, per un Calendario Pirelli 1986 che non fu mai pubblicato perché giudicato “un calendario di puttane” dall’ allora amministratore delegato del gruppo, Filiberto Pittini.
A riferire l’espressione, e a raccontare la storia del calendario mai nato, è un libro, presentato oggi a Milano, scritto dal giornalista Giuseppe Meroni, edito da Autocircuito e intitolato “Helmut Newton & Pirelli. Storia di un calendario censurato”. Corredato da immagini del backstage fotografico, ma anche da alcune foto, firmate da Newton, già pronte per trasformarsi nei vari mesi del 1986, il volume ricostruisce la vicenda nei termini di uno scoop giornalistico.

L’autore, che aveva lavorato nell’ ufficio stampa della stessa Pirelli nei primi anni 70 (quindi molto prima della vicenda di cui narra), ripercorre anche la storia tutta inglese del Calendario Pirelli che, da prodotto un po’ trash per camionisti, dal 1964 in poi era diventato un oggetto raffinato ed ambito.
Secondo il ricordo dei testimoni, l’amministratore delegato si era soffermato soprattutto sull’immagine della ragazza scollata che, chinata sensualmente e armata di pistola d’erogazione, riforniva di benzina una Alfa 75 (mitica!): naturalmente era una foto carica di doppi sensi.

fonte ANSA 26/10/2006

E’ sempre il tempo che sana le ferite inferte dalla censura, di qualunque tipo e quindi anche a quella sull’arte erotica. Altro che prodotto per camionisti, ora i calendari li paghiamo a peso d’oro. Ed infatti oggi solo guadagnando quanto una “puttana” di alta classe ci si può comprare i calendari pirelli da collezione.
Ma ogni tanto il senno di poi…non può diventare quello di prima?

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: