Sex Libertatis

diritti doveri e libertà sessuali

  • CONTATTO

    sexlibertatis@tiscali.it
  • Categorie

  • Archivio

  • Sottoscrivi

  • Commenti recenti

  • Scopi del blog

    Un contributo al dibattito e alla difesa delle libertà sessuali, in alternativa alle controproducenti censure. Per interrogarsi sulle diverse forme del fondamentalismo. "Sex libertatis" come variazione sul tema "lex libertatis", una famosa definizione latina dell'amore. Il sito non ha intenti diffamatori nè incita a violare le leggi vigenti.
  • Diritti d’autore

    I diritti di tutte le immagini (quando vi sia riconoscibilita' certa) e gli altri contenuti (testi) qui riprodotti o semplicemente collegati appartengono ai rispettivi titolari che possono chiederne, a semplice richiesta, la rettifica o la cancellazione.
  • Copyrights

    Sexlibertatis claims no credit for any images featured on this site. All visual content is copyright of the owners. If you demonstrate rights to any of the images, and do not wish them to appear (also) on this blog, please contact Sexlibertatis via e-mail and they will be rectified or removed.
  • Statistiche

    • 305,171 Visite dal 12/11/2007
  • Amministrazione

il fuoco sotto la cenere

Posted by innocenso su 03/10/2006

Ferrara, 12 agosto 2006 – Don Fortunato Di Noto, presidente dell’Associazione Meter di Avola (Siracusa) da 15 anni impegnato nella lotta alla pedofilia e alla pedopornografia online, è soddisfatto: “Colpire sempre più i produttori, ma soprattutto individuare i bambini coinvolti. E’ grande soddisfazione sapere che si è riusciti ad individuare un produttore italiano, a dimostrazione che il mercato pedopornografico è un business di vaste proporzioni che richiede azioni di vaste proporzioni”.
“L’operazione del Servizio centrale operativo della Direzione centrale anticrimine della Squadra mobile di Ferrara e del compartimento Polizia postale di Bologna – prosegue don Di Noto – nei confronti di un italiano che produceva filmati pedoporno in Belgio, merita un plauso e un incoraggiamento”.

fonte quotidiano.net

Tra i vari numeri forniti molto probabilmente per far scena, stavolta faccio un elogio a don Di Noto per la frase riportata in evidenza, mai ascoltata prima d’ora da quella fonte, speriamo davvero che qualcosa stia cambiando (nonostante anche stavolta non ha approfittato ad abbandonare il solito refrain accompagnatorio..)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: