Sex Libertatis

diritti doveri e libertà sessuali

  • CONTATTO

    sexlibertatis@tiscali.it
  • Categorie

  • Archivio

  • Sottoscrivi

  • Commenti recenti

  • Scopi del blog

    Un contributo al dibattito e alla difesa delle libertà sessuali, in alternativa alle controproducenti censure. Per interrogarsi sulle diverse forme del fondamentalismo. "Sex libertatis" come variazione sul tema "lex libertatis", una famosa definizione latina dell'amore. Il sito non ha intenti diffamatori nè incita a violare le leggi vigenti.
  • Diritti d’autore

    I diritti di tutte le immagini (quando vi sia riconoscibilita' certa) e gli altri contenuti (testi) qui riprodotti o semplicemente collegati appartengono ai rispettivi titolari che possono chiederne, a semplice richiesta, la rettifica o la cancellazione.
  • Copyrights

    Sexlibertatis claims no credit for any images featured on this site. All visual content is copyright of the owners. If you demonstrate rights to any of the images, and do not wish them to appear (also) on this blog, please contact Sexlibertatis via e-mail and they will be rectified or removed.
  • Statistiche

    • 306,762 Visite dal 12/11/2007
  • Amministrazione

gli altri dopo di me prego

Posted by innocenso su 06/09/2006

Cari amici, ho scovato in rete questo scritto del 28/6/06 di tale Gloria Mattioni. Ve lo posto già disponibile con la traduzione presente sul sito originario in quanto è emblematico di un modo perverso di pensare, e che tra l’altro non è nemmeno il più disonesto tra tutti quelli che a gran voce hanno fatto sentire la loro protesta “moralizzatrice”. In neretto le frasi chiave che stanno a significare più o meno: “io, a suo tempo più intelligente degli altri miei coetanei, e quindi meritevole di maggiore libertà d’azione, posso anzi ho il dovere di decidere al loro posto in senso proibizionista, per tutti (anche quelli come me, praticamente) e per il futuro” !! Mal’età non portava saggezza?!

LIBERTÀ POLITICA PER IL PARTITO DEI PEDOFILI???
Dal mio arrivo in Italia, quasi un mese fa, ho desiderato scrivere di diverse notizie politiche. Della prima sindaco-donna eletta nella mia città natale, Milano. Dei recenti referendum e di questo particolare vezzo che noi Italiani abbiamo di sottoporre qualsiasi riforma o cambiamento di sistema a voto popolare. Le mie buone intenzioni, però, sono state sotterrate dalle due inattese operazioni chirurgiche di mia sorella, con l’ovvio stress emotivo conseguente e, oh, beh, diciamocelo, ho proprio fatto tilt!Ma un argomento ha continuato a rimbalzarmi in mente. Appena arrivata, avevo letto che la gia’ liberalissima Olanda si era svegliata una mattina d’inizio giugno con un nuovo partito, la NVD. Una sigla che starebbe, poeticamente, per “Carità, Libertà e Diversità” ma non reclama maggiori diritti per i gay o niente del genere. Ciò che chiede è libertà per… i pedofili.
Fondato da un pensionato sessantaduenne di Amsterdam, Ad van den Berg, il nuovo partito ha pubblicato il suo manifesto on-line, rivendicando il diritto degli adulti di fare sesso con preadolescenti, abbassando l’età legale che finora determinava altrimenti l’atto come violenza sessuale dai 14 ai 12 anni, chiedendo libertà di pubblicare pornografia infantile in internet e il diritto per i bambini di posare e recitare a questo fine.
Le reazioni dei bloggers e dei giornalisti sono state potenti in tutta Europa (es.:
http://liberoblog.libero.it/politica/bl3733.phtml) e un recente sondaggio dice che l’82% della popolazione olandese non vuole che il nuovo partito venga riconosciuto legalmente. Van den Berg e i suoi amici protestano paragonando la repressione contro di loro a quella contro le organizzazioni omosessuali.
C’è però un particolare che non quadra. Ed è facile vederlo per me, una bimba che è stata molestata e nonostante ciò a tredici anni moriva dalla voglia di fare l’amore col suo ragazzo ventunenne. Senza dubbio, io a quell’età ero matura per sceglierlo liberamente. Ma ero anche consapevole che non tutte le mie coetanee potevano esserlo. Perciò il limite legale a quattordici anni mi andava bene. Liberta’ di scelta e convinzione delle proprie idee sono piuttosto difficili da acquisire quando sei ancora una bambina piuttosto influenzabile. Una legge diversa che autorizzi il sesso tra un uomo quarantenne e una bimba di dodici anni? No, grazie. Non sarebbe segno di maggiore libertà nè civiltà.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: