Sex Libertatis

diritti doveri e libertà sessuali

  • CONTATTO

    sexlibertatis@tiscali.it
  • Categorie

  • Archivio

  • Sottoscrivi

  • Commenti recenti

  • Scopi del blog

    Un contributo al dibattito e alla difesa delle libertà sessuali, in alternativa alle controproducenti censure. Per interrogarsi sulle diverse forme del fondamentalismo. "Sex libertatis" come variazione sul tema "lex libertatis", una famosa definizione latina dell'amore. Il sito non ha intenti diffamatori nè incita a violare le leggi vigenti.
  • Diritti d’autore

    I diritti di tutte le immagini (quando vi sia riconoscibilita' certa) e gli altri contenuti (testi) qui riprodotti o semplicemente collegati appartengono ai rispettivi titolari che possono chiederne, a semplice richiesta, la rettifica o la cancellazione.
  • Copyrights

    Sexlibertatis claims no credit for any images featured on this site. All visual content is copyright of the owners. If you demonstrate rights to any of the images, and do not wish them to appear (also) on this blog, please contact Sexlibertatis via e-mail and they will be rectified or removed.
  • Statistiche

    • 305,576 Visite dal 12/11/2007
  • Amministrazione

taglienti decisioni

Posted by innocenso su 23/07/2006

Censurare e tagliare film? Illegale!
Questa l’opinione di un giudice statunitense che ha condannato per violazione del diritto d’autore alcune società che tagliano i film e li rivendono in versione per famiglie. Senza sesso o nudità


Denver (USA) – La Sunrise Family Video è una delle tre aziende dello Utah che tagliano le scene più piccanti dai film per riproporli alla audience di questo stato americano, in cui risiedono molti mormoni, legati a rigidi precetti religiosi e morali. Nel 1998, l’azienda è finita al centro delle cronache per aver rimosso tutte le scene vagamente erotiche dal kolossal Titanic : un gesto etico, secondo le società, ma che il giudice distrettuale Richard Matsch di Denver ha considerato una violazione del diritto d’autore . Spinto da una denuncia firmata da ben 16 registi statunitensi, tra i quali spiccano i nomi di Martin Scorsese e Steven Spielberg, Matsch ha emesso questa condanna ed ha determinato un importante precedente giuridico: “Adesso gli spettatori possono stare più tranquilli”, ha immediatamente commentato Michael Apted, presidente dell’Associazione dei Registi Statunitensi, “perché sono sicuri di vedere esattamente ciò che l’artista ha voluto offrire nel proprio film”. La censura operata dalle aziende nello Utah, secondo il giudice Matsch, non è un’azione di movie sanitizing , ossia di
disinfestazione delle pellicole , ma un vero e proprio “danno irreparabile all’espressione artistica e creativa dei registi”. Il totale dei film finiti tra le mani dei censori, secondo quanto riporta l’agenzia AP , raggiunge la soglia dei 90 titoli. I rappresentanti dell’insolita “industria della censura” si sono detti estremamente insoddisfatti e minacciano il ricorso. “È un tipico caso in stile Davide contro Golia”, ha detto Ray Lines, direttore di un’azienda implicata nel caso. “Continueremo a combattere”, ha aggiunto. Ma non sarà facile: il giudice Matsch ha ordinato l’ immediata chiusura delle attività di realizzazione, vendita e noleggio dei film censurati.
fonte punto informatico

Come dire: si tira un sospiro di sollievo quando le potestà di ius dicere viene così ben esercitata!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: