Sex Libertatis

diritti doveri e libertà sessuali

  • CONTATTO

    sexlibertatis@tiscali.it
  • Categorie

  • Archivio

  • Sottoscrivi

  • Commenti recenti

  • Scopi del blog

    Un contributo al dibattito e alla difesa delle libertà sessuali, in alternativa alle controproducenti censure. Per interrogarsi sulle diverse forme del fondamentalismo. "Sex libertatis" come variazione sul tema "lex libertatis", una famosa definizione latina dell'amore. Il sito non ha intenti diffamatori nè incita a violare le leggi vigenti.
  • Diritti d’autore

    I diritti di tutte le immagini (quando vi sia riconoscibilita' certa) e gli altri contenuti (testi) qui riprodotti o semplicemente collegati appartengono ai rispettivi titolari che possono chiederne, a semplice richiesta, la rettifica o la cancellazione.
  • Copyrights

    Sexlibertatis claims no credit for any images featured on this site. All visual content is copyright of the owners. If you demonstrate rights to any of the images, and do not wish them to appear (also) on this blog, please contact Sexlibertatis via e-mail and they will be rectified or removed.
  • Statistiche

    • 305,565 Visite dal 12/11/2007
  • Amministrazione

la banda s’allarga ma il cerchio si stringe

Posted by innocenso su 10/07/2006

MILANO 21/06/06 – Operazione della polizia postale di Milano contro un giro di pedopornografia in internet. “Fast Lolita“, questo il nome dato all’indagine, ha portato all’arresto di un uomo a Roma e al coinvolgimento di 48 persone in tutta Italia, indagate per aver scaricato immagini pedo-pornografiche dal web fra il 24 gennaio e il 23 febbraio di quest’anno. “Fast”, come la linea veloce per scaricare le immagini. Questo traffico riguarda i clienti di un importante provider italiano verso due siti internet, ospitati però su server stranieri. Gli indagati si connettevano per scaricare almeno tre volte al giorno. Le indagini sono partite nel 2005. Sette le regioni coinvolte e 15 le province. (..) Tra gli indagati “ci sono persone di ogni classe sociale e professione – ha spiegato il vicequestore aggiunto di Milano Fabiola Trefiletti – dall’operaio al dirigente d’azienda fino ai semplici impiegati”. Lo dimostra il fatto che fra gli indagati ci sono anche un padre e figlio, e quando ieri mattina gli ispettori sono entrati nella loro casa per la perquisizione, il padre avrebbe finto un attacco di tachicardia.
fonte la repubblica

Forse che si salverà solo qualche tecnico della rete dei provider che… subodorando qualcosa si limiterà feticisticamente a un cunnilingus su quegli stessi cavi su cui passano le immagini? Proprio come quando capitava che tecnici telecom talvolta facevano sparire qualche scatto saltando su varie linee.. e chi vuoi che se n’accorgesse? In questa ennesima “early morning fast operation”, anche la tachicardia evidentemente è un battito “veloce”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: