Sex Libertatis

diritti doveri e libertà sessuali

  • CONTATTO

    sexlibertatis@tiscali.it
  • Categorie

  • Archivio

  • Sottoscrivi

  • Commenti recenti

  • Scopi del blog

    Un contributo al dibattito e alla difesa delle libertà sessuali, in alternativa alle controproducenti censure. Per interrogarsi sulle diverse forme del fondamentalismo. "Sex libertatis" come variazione sul tema "lex libertatis", una famosa definizione latina dell'amore. Il sito non ha intenti diffamatori nè incita a violare le leggi vigenti.
  • Diritti d’autore

    I diritti di tutte le immagini (quando vi sia riconoscibilita' certa) e gli altri contenuti (testi) qui riprodotti o semplicemente collegati appartengono ai rispettivi titolari che possono chiederne, a semplice richiesta, la rettifica o la cancellazione.
  • Copyrights

    Sexlibertatis claims no credit for any images featured on this site. All visual content is copyright of the owners. If you demonstrate rights to any of the images, and do not wish them to appear (also) on this blog, please contact Sexlibertatis via e-mail and they will be rectified or removed.
  • Statistiche

    • 306,438 Visite dal 12/11/2007
  • Amministrazione

nella pentola usa bollono i bollini

Posted by innocenso su 07/05/2006

26/4/2006 – La crociata contro l’hard dell’amministrazione Bush continua. Di recente, infatti, il Dipartimento di Giustizia americano ha proposto uno speciale “bollino rosso” per i siti a carattere erotico. Tecnicamente parlando, si tratta di un nuovo codice di regolamentazione ideato per censire, identificare e tenere alla larga dai minori i numerosissimi portali pornografici (..).
L’attuale bozza prevede inoltre una parte dedicata interamente al ruolo degli ISP nella lotta alla pornografia infantile. “Le pene previste per chi non segnalerà gli illeciti – ha precisato Gonzales – sono triplicate e partono da 150mila dollari per la prima violazione“.

fonte: TGcom

Non c’è che dire, “tecnicamente parlando”… una pena pecuniaria di questo livello condanna in maniera insolitamente grave per una omissione e non per una commissione. Diversa per fortuna finora in generale la situazione in Italia. E pensare che pochi giorni fa per una ennesima pubblicità ingannevole verso milioni di clienti un nostro gestore di telefonia mobile ha pagato “solo” 49.000 euro!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: