Sex Libertatis

diritti doveri e libertà sessuali

  • CONTATTO

    sexlibertatis@tiscali.it
  • Categorie

  • Archivio

  • Sottoscrivi

  • Commenti recenti

  • Scopi del blog

    Un contributo al dibattito e alla difesa delle libertà sessuali, in alternativa alle controproducenti censure. Per interrogarsi sulle diverse forme del fondamentalismo. "Sex libertatis" come variazione sul tema "lex libertatis", una famosa definizione latina dell'amore. Il sito non ha intenti diffamatori nè incita a violare le leggi vigenti.
  • Diritti d’autore

    I diritti di tutte le immagini (quando vi sia riconoscibilita' certa) e gli altri contenuti (testi) qui riprodotti o semplicemente collegati appartengono ai rispettivi titolari che possono chiederne, a semplice richiesta, la rettifica o la cancellazione.
  • Copyrights

    Sexlibertatis claims no credit for any images featured on this site. All visual content is copyright of the owners. If you demonstrate rights to any of the images, and do not wish them to appear (also) on this blog, please contact Sexlibertatis via e-mail and they will be rectified or removed.
  • Statistiche

    • 304,176 Visite dal 12/11/2007
  • Amministrazione

speculari similitudini

Posted by innocenso su 29/04/2006

NEW YORK. La pornografia danneggia il cervello, come le sigarette i polmoni. In più provoca dipendenza, come la droga e la nicotina. Quindi bisogna attaccarla sul piano scientifico, oltre che morale, e sconfiggerla portando i produttori in tribunale per cause miliardarie. John Harmer è un avvocato dello Utah che combatte il porno da quarant’anni. Finora ha perso quasi tutte le sue battaglie, ma adesso pensa di aver trovato la strategia giusta per vincere la guerra. Lo sta facendo attraverso la «Lighted Candle Society», un gruppo no profit che ha fondato a Washington assieme ad Edwin Meese, ministro della Giustizia con Reagan. Lo scopo dell’associazione non è solo combattere una lotta politica contro la pornografia: Harmer sta raccogliendo soldi per provare che il consumo di questo prodotto danneggia il cervello (..)
fonte: la stampa, 4/4/2006

E perchè mai coloro che ne hanno (praticamente parlando) perse altre, come i radicali [ricordate uno dei primi post?], dovrebbero abbassare la guardia? Al contrario, il lumicino va tenuto acceso, poichè i pochi libertari ancora in giro non partono da posizioni preconcette come quella di Harmer, ma da concrete analisi di costi/benefici soggettive e oggettive dell’applicazione di regole morali e legali basate sulla censura.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: