Sex Libertatis

diritti doveri e libertà sessuali

  • CONTATTO

    sexlibertatis@tiscali.it
  • Categorie

  • Archivio

  • Sottoscrivi

  • Commenti recenti

  • Scopi del blog

    Un contributo al dibattito e alla difesa delle libertà sessuali, in alternativa alle controproducenti censure. Per interrogarsi sulle diverse forme del fondamentalismo. "Sex libertatis" come variazione sul tema "lex libertatis", una famosa definizione latina dell'amore. Il sito non ha intenti diffamatori nè incita a violare le leggi vigenti.
  • Diritti d’autore

    I diritti di tutte le immagini (quando vi sia riconoscibilita' certa) e gli altri contenuti (testi) qui riprodotti o semplicemente collegati appartengono ai rispettivi titolari che possono chiederne, a semplice richiesta, la rettifica o la cancellazione.
  • Copyrights

    Sexlibertatis claims no credit for any images featured on this site. All visual content is copyright of the owners. If you demonstrate rights to any of the images, and do not wish them to appear (also) on this blog, please contact Sexlibertatis via e-mail and they will be rectified or removed.
  • Statistiche

    • 304,296 Visite dal 12/11/2007
  • Amministrazione

la catena dei disastri

Posted by innocenso su 14/04/2006

“Lascia sbalorditi l’ennesimo esempio di burocrazia impazzita raccontato oggi dai quotidiani. Una biblioteca al centro di Roma ha sfrattato la moglie del custode dall’alloggio di servizio, in quanto lui è stato arrestato dopo la denuncia della stessa donna per presunte molestie sessuali alla loro bambina”. E’ quanto dichiara il senatore della Margherita Sandro Battisti. “Al di là dei dubbi sulla legittimità del provvedimento sotto il profilo legale, sollevate dall’avvocato della signora, va registrata l’assoluta mancanza di sensibilità ed elasticità mentale, nell’ambito di una storia così dolorosa e drammatica, da parte dei dirigenti della biblioteca, che chiedono il rilascio dei locali entro il 15 febbraio”, aggiunge il senatore. “Se non sarà modificata questa decisione, chiediamo al Comune di Roma di trovare per la signora e le sue figlie, due volte vittime in questa storia, una soluzione alternativa. Una città come la nostra non può accettare uno sfratto causato direttamente da un atto di coraggio e di amore per una bambina innocente. Un atto che queste vicende burocratiche possono solo disincentivare, se il risultato è ritrovarsi senza un tetto e un reddito sicuro”, conclude Battisti.

Non è burocrazia, cari amici, è il girone dantesco delle colpe legate alle (tragiche, quando sono dimostrate vere) presunte molestie a danno dei bambini, dove ciascuno agisce d’impulso oggi per danni tutti da dimostrare (domani, dopodomani o chissà quando); la biblioteca, è da riconoscere, ha agito al pari di tante altre persone in casi simili che, prima dell’accaduto, all’apparenza le avresti giudicate “di buon senso”!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: